Un poker di vittorie per la Tricolore

A Roverbella successi di Martinelli, De Bianchi, Mihelea e Perna

REGGIO. Primo appuntamento del 2014 per la Boxe Tricolore Olmedo, e primo poker di vittorie in trasferta: sabato sera, sul ring di Roverbella (Mantova), i quattro giovani pugili reggiani impegnati si sono fatti valere tornando a casa con il bottino pieno. Emiliano Martinelli (70 kg) contro l’atleta di casa Jamal Zyou ha controllato agevolmente il match, aggiudicandosi tutte e tre le riprese; bella vittoria ai punti per l’allievo del maestro Ernesto Radano.

Il giovane campione regionale Mattia De Bianchi (56 kg) affrontava un avversario “senior”, il mantovano Claudio Rosafio, e si cimentava per la prima volta con i round da tre minuti: l’allievo dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi ha risposto alla grande, imponendo un ritmo troppo elevato per l’avversario, costretto all’abbandono durante l’ultima ripresa.

Difficile vittoria ai punti per Ion “Ivan” Mihelea, contro il pericoloso Yankee Pavan della Boxe Mantova, ottenuta grazie a una grande mobilità di gambe che gli ha permesso di sfruttare il maggior allungo tenendo a debita distanza l’aggressivo avversario.

Infine Michele Perna (64 kg) ha battuto ai punti il modenese Thair Abdelladi, al termine di un match intenso ed equilibrato in cui il portacolori della Olmedo ha però mantenuto maggiormente l’iniziativa.

Un successo di pubblico e agonistico per il S.Stefano Pugilistico

Ottimo successo sia sportivo che organizzativo per il Santo Stefano Pugilistico 2013 organizzato dalla Boxe Tricolore Olmedo in collaborazione con il manager Sergio Cavallari e la Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia: organizzativo, perché all’inedita maratona del ring in due atti ha assistito una notevole cornice di pubblico; sportivo, perché alle tre vittorie e due pareggi del pomeriggio, si sono sommate per gli allievi dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi sei vittorie e una sola sconfitta nella sessione serale. Il 2013, insomma, si è concluso degnamente: con belle vittorie e prestazioni strappa applausi. In apertura del ‘secondo atto’ serale al Palahockey, nell’unico match senza pugili reggiani impegnati, il viadanese Mohamed Aboukouiss ha sconfitto ai punti Anatoly Rozhenko della Boxe Molinella. Momenti da ricordare per tutta la vita per Michele Perna, che dopo tantissimi anni ad allenarsi in palestra come amatore, ha avuto la soddisfazione di esordire a 37 anni davanti ai propri concittadini, andando ad investire come una furia Nicolò Iaquinta della Boxe Canavesana, costretto al conteggio nel secondo round e fermato dal medico nel terzo; alla lettura dei cartellini vittoria ai punti per Perna, gioia incontenibile, e forse qualche rimpianto per il tempo perduto. Difficilissima vittoria ai punti per Emiliano Martinelli, allievo del maestro Ernesto Radano, contro il parmense Nonrogo Nonkane, al termine di tre riprese combattute ad un ritmo frenetico; match vivace e intenso anche per Ion ‘Ivan’ Grecu, vinto ai punti grazie ad una maggior precisione contro Eddine Taoufik della Boxe Molinella. Il campione regionale Mattia De Bianchi ha attaccato come un tornado fin dal primo secondo lo scorbutico Hissen Hyka della Boxe Molinella, faticando però a trovare la giusta misura dei colpi anche a causa delle scorrettezze dell’avversario, non a caso squalificato dopo la terza ammonizione per tenute; grande affermazione per Villiam Baldini, uno che con i pugni si fa davvero rispettare: l’avversario, Vitalie Spinu della Boxe Parma, è stato contato nella prima dopo un perfetto gancio sinistro del reggiano, ma non si è dato per vinto e ha tenuto testa fino alla fine al comunque più efficace Baldini. L’unica sconfitta per la Tricolore Olmedo è arrivata dall’incontro di Martin Mukaj, che si è dovuto arrendere ai punti al fortissimo Costantin Pancrat della Boxe Parma, pur fronteggiandolo con grande coraggio. Apoteosi finale del Palahockey per l’ennesima grande prestazione di Erik ‘Dynamite Kid’ Bondavalli, sempre più devastante e convincente: il malcapitato Francesco Tartaro ha resistito bene nel primo round, ma dal secondo ha dovuto subire il calvario delle bordate del reggiano, con un conteggio, un intervento del medico nella seconda, e colpi durissimi subiti con grande coraggio fino alla fine nella terza: vittoria ai punti per Bondavalli, premiato come miglior pugile della serata.

Tutto pronto per il S.Stefano Pugilistico!

Il 26 dicembre tradizionale Santo Stefano Pugilistico anche a Reggio Emilia dove Sergio Cavallari propone in collaborazione con la Boxe Tricolore Reggio Emilia un’inedita maratona dilettantistica: dieci match il pomeriggio e dieci la sera, con impegnati dal primo all’ultimo tutti i dilettanti reggiani allievi di Michael Galli, Massimo Bertozzi e Ernesto Radano.

Un ricco programma che vedrà il primo colpo di gong suonare alle 16.00 presso il Palahockey Fanticini di via Paterlini a Reggio Emilia.
Dieci incontri dilentattistici che vedranno comparire i pugili di casa Boxe Tricolore: Alex Truzzi, Villiam Baldini, Stefania Costi, Daniele Andreoli, Eros Truzzi, Ibrahim Mohamed, Ion Grecu, Ion Mihelea, Martin Mukaj e Lorenzo Martinucci.

Seconda sessione, quella serale, con partenza alle 20.30 che vedrà impegnati altrettanti portacolori della Boxe Tricolore: Beatrice Bottazzi, Erik Bondavalli, Giada Epifani, Gio De Barre, Emiliano Martinelli, Mattia De Bianchi, Michele Perna, Nunzio Orefice, Oldrin Mukaj e Sergiu Straulat.

Nell’intervallo tra le due session sarà possibile cenare ai tavolini, mentre durante l’intera durata della giornata sarà in funzione un servizio gastronomico per gli ospiti e gli spettatori della kermesse.

INGRESSO: Pomeriggio € 10,00 / Sera € 10,00 / TUTTA LA GIORNATA € 15,00

foto

Tricolore Olmedo, week end di gloria

REGGIO. Anche nell’ultimo fine settimana i giovani pugili reggiani della Boxe Tricolore Olmedo si sono fatti valere sul ring in giro per l’Italia. Sabato sera a Castel d’Ario, in provincia di Mantova, hanno combattuto seguiti all’angolo dai maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi Beatrice Bottazzi, Daniele Andreoli ed Ernesto “Gio” De Barre: la Bottazzi ha nuovamente battuto ai punti la mantovana Marcuccilli, dotata di un allungo maggiore ma dominata dalla reggiana abile ad entrare con efficacia nella sua guardia; affermazione ai punti anche per Andreoli contro il mantovano Alberini, sempre in difficoltà; un De Barre non in serata non è invece stato premiato dal verdetto dei giudici contro il piacentino Lazzari. Domenica a Piacenza erano impegnati Ibrahim Mohamed, Mattia De Bianchi, Alex Truzzi e Stefania Costi: il peso supermassimo Mohamed, prossimo al passaggio al professionismo, ha avuto ragione del piacentino Ratti al termine di una prestazione fatta di anticipi, finte e schivate che hanno costretto l’avversario a farsi vedere due volte dal medico durante il confronto; grande prova di temperamento per De Bianchi, che ha superato ai punti il ben più esperto Edoardo Dumitru; sconfitte ai punti per Truzzi, un po’ troppo attendista contro Carlo Dumitru, e la debuttante assoluta Costi, il cui finale in crescendo non è bastato per aver ragione della piacentina Gregori. Alcuni giorni prima si sono tenuti a Bologna i campionati regionali, ai quali hanno partecipato Eric Bondavalli e Nunzio Orefice.

Bondavalli nei 75 kg è stato defraudato dai giudici della vittoria contro Morello, che poi si è aggiudicato il torneo, mentre Orefice nei 64 kg, dopo aver superato per squalifica il riminese Zupo, ha perso nel turno successivo contro il ravennate Baldini, più regolare rispetto al portacolori della Olmedo.

SANTO STEFANO. Tutti i dilettanti reggiani saranno presto impegnati il 26 dicembre al Palahockey nel tradizionale Santo Stefano Pugilistico, in quella che sarà una vera e propria inedita maratona sul ring. L’evento, organizzato dalla Boxe Tricolore Olmedo del presidente Franco Gualerzi in collaborazione con Sergio Cavallari e la Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio, sarà diviso in due atti: il primo dalle 16 alle 18.30, il secondo dalle 20.30 alle 22.30, con venti match in totale. Tra il‘primo e il secondo atto, ci sarà la possibilità di cenare al Palahockey, dove sarà allestito un servizio catering.

PROFESSIONISTI. Il pugilato reggiano come sempre è alla ribalta nazionale anche nel professionismo, con l’attività del manager guastallese Sergio Cavallari che venerdì sera organizza al Palarizza di Pavia la sfida valevole per il titolo italiano dei pesi welter tra il campione Gianluca Frezza e lo sfidante Giovanni D’Antoni, che sarà trasmessa alle 22.30 su Raisport.

Tutti i pugili reggiani sul ring di Santo Stefano

Il 2013 è un anno da incorniciare per il pugilato reggiano ed avrà un finale col botto. I dilettanti della Boxe Tricolore Olmedo, che si sono ricoperti di onore sui ring di tutta Italia, saranno tutti impegnati _ dal primo all’ultimo _ il 26 dicembre al Palahockey nel tradizionale Santo Stefano Pugilistico.

La storica kermesse pugilistica cittadina questa volta di trasformerà in una vera e propria, inedita, maratona sul ring. L’evento senza precedenti, organizzato dalla Boxe Tricolore Olmedo del presidente Franco Gualerzi in collaborazione con Sergio Cavallari e la Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia, sarà diviso in due atti: il primo dalle 16 alle 18.30, il secondo dalle 20.30 alle 22.30, con protagonisti tutti gli allievi dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi contro pari categoria di altre società.

Tra il ‘primo e il secondo atto’, ci sarà la possibilità di cenare al Palahockey, dove sarà allestito un servizio catering.

Gli appassionati reggiani della noble art potranno dunque vedere tutti insieme in azione sul ring il fortissimo Erik ‘Dynamite Kid’ Bondavalli, in odore di professionismo, i cinque freschi campioni regionali Eros Truzzi, Lorenzo ‘The Hurricane’ Martinucci, Mattia De Bianchi, Alex Truzzi, Ernesto ‘Gio’ De Barre, e tutti gli altri guerrieri della Olmedo.

Gli incontri saranno in totale circa una ventina: dieci ragazzi combatteranno il pomeriggio, e dieci la sera.

Ad un mese dall’evento il programma è ovviamente ancora in fase di definizione, ma il maestro Michael Galli fa già sapere che i dieci suoi allievi che combatteranno il pomeriggio dovrebbero essere: Eros e Alex Truzzi, Martinucci, Stefania Costi, Ion ‘Ivan’ Grecu, Villiam Baldini, Daniele Andreoli, Giada Epifani, Martin Mukaj ed il peso supermassimo Mohamed Ibrahim; la sera saliranno sul ring De Bianchi, De Barre, Michele Perna, Beatrice Bottazzi, Sergiu Stratulat, Nunzio Orefice, Ian ‘Ivan’ Mihelea, Emiliano Martinelli, Oldrin Mukaj, prima del finale col botto con Erik Bondavalli.

Olmedo Spa nuovo sponsor ufficiale della Boxe Tricolore

“Ho deciso di rendere alla boxe quello che negli anni mi ha trasmesso: lealtà, determinazione, rispetto. Valori che oggi fanno la differenza nella vita e nel lavoro”.

Con queste parole il Titolare della Olmedo S..A. Luca Quintavalli ha presentatao in “Sala Rossa” del Municipio di Reggio Emilia il nuovo progetto di sponsorizzazione volto al rilancio della Boxe Reggiana a livello nazionale. “Non sono anni di spese dissennate o di esposizioni economiche fuori controllo – ha proseguito Quintavalli già da oltre 15 anni DS della società ed ex atleta agonista – ma una tradizione di così alto livello ed il legame che mi lega personalmente a questo sport valgono lo sforzo che stiamo facendo”. Priva infatti del main sponsor, la Boxe Tricolore viveva un momento di “incertezza” sul futuro; l’intento di rilanciare il nome di una così storica società nata prima della seconda guerra mondiale e che ha visto incornare tra le proprie fila campioni nazionali internazionale e moniali, è coinciso quindi con la reale necessità di sopravvivenza. Quasi 20 gli atleti agonisti che popolano la palestra reggiana, alcuni dei quali pronti alle fasi nazionali dei campionati assoluti. Per alcuni di loro si delinea il probabile debutto al professionismo nei prossimi 2 anni. L’assessorato allo sport, le istituzioni tute e le dirigenze della Boxxe Tricolore hanno così battezzato la Boxe Tricolore Olmedo che oltre ad ambire a prestigiosi risultati sportivi, crescerà nelle prorpia fila ragazzi che, oggi atleti domani manager, possano ottenere grandi soddisfazioni personali e professional come avvenuto per la Olmedo.