Grisetti vince ai punti il “derby” con Pignoli

Boxe: successo a Mantova per Zouahir Belhamra della Tricolore Olmedo L’altra sfida tra Reggio e Scandiano vede il pareggio tra Martinelli e Baroni

REGGIO EMILIA. Pugili dilettanti reggiani protagonisti sul ring di Mantova. Nella categoria 60 kg youth Zouahir Belhamra, accompagnato dalla Boxe Tricolore Olmedo (i maestri MIchael Galli e Antonio Midili, il presidente Franco Gualerzi ed il promoter Sergio Cavallari) ha stravinto contro l’atleta di casa Eathnine Badar della Boxe Mantova. Per la categoria school boys 57 kg derby tra Geremia Grisetti della Tricolore Olmedo e Dylan Pignoli dell’Iron CLub Gym Scandiano (seguito all’angolo dal maestro Valentino Manca e dal presidente Gianni Pignoli). Grisetti grazie ad un maggior allungo e ad un pregevole gioco di gambe si è aggiudicato ai punti il confronto . Per la categoria senior 64 kg Fouad El Ghazali della Boxe Guastalla (la nuova società dei maestri Marco Tosi e Massimo Di Padova) ha vinto ai punti all’esordio contro Giuseppe Cimmino della Boxe Fidenza, mentre Michele Perna, senior 64 kg della Tricolore Olmedo, è stato fermato da una doppia

squalifica mentre stava dominando contro l’atleta di casa Claudio Rosafio. Infine l’altro derby Reggio-Scandiano per la categoria senior 75 kg tra Emiliano Martinelli della Tricolore Olmedo e Cristian Baroni dell’Iron Club Gym è finito in pareggio dopo un confronto intenso ed equilibrato.

Lorenzo Martinucci è un “uragano” perfetto

Quattro pugili reggiani della Boxe Tricolore Olmedo sono stati protagonisti sul ring di Bellaria Igea Marina nel prestigioso ‘Torneo Italia’ categorie schoolboys, junior e youth. Manuel Serradimigni, Eros Truzzi e Cristiano Caiti si sono dovuti arrendere in semifinale, rispettivamente contro il fiorentino Guidi (schoolboys 56kg), il veronese Adami (junior 46kg) e il milanese Moretti (youth 60kg). A tenere alti i colori reggiani ci ha pensato Lorenzo ‘Hurricane’ Martinucci, che si è laureato campione nella junior 50 kg battendo in finale Vesprini

di Castelfidardo.

«Lorenzo ha fatto un match perfetto in attacco_ racconta il maestro Michael Galli _ serrato e preciso come un professionista: già alla prima ripresa ha provocato una ferita sul viso dell’avversario grazie ad un gancio destro; ha dominato dalla prima all’ultima ripresa».

Guastalla, grande boxe 8 vittorie e 2 pareggi per la Tricolore Olmedo

GUASTALLA. Otto vittorie e 2 pareggi su 10 match ieri per i pugili della Boxe Tricolore Olmedo allenati dai maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi nella sesta “Grande boxe in riva al grande fiume”, organizzata con il promoter guastallese Sergio Cavallari. Folla attorno al ring allestito al ristorante Peace in Po. Il debuttante assoluto Lorenzo Galvani (69 kg) ha sconfitto il combattivo Matteo Palagreco (Skull Canavesana) e anche l’emozione. Kevin Costa (75 kg) ha superato ai punti Mattia Murano (Canavesana), sfruttando l’allungo.Giada Epifani (75 kg) regalava centimetri ad Andrea Hilary Gomiero (Piovese), ma è stata abile ad entrare nella sua guardia costringendola a legare di continuo: 3 richiami ufficiali e vittoria per squalifica alla 4ª ripresa.Zouahir Belhamra (60 kg) parte in modo incerto contro Giovanni Foresta (Canavesana), poi trova il guizzo giusto nel 2° round costringendo il medico Guidetti a decretare lo stop dopo 2 conteggi. Vittoria per ko tecnico. Giusto pari tra Cristiano Caiti (youth 60 kg) e Paolo Emilian Patrascu (Canavesana). La guerriera Claudia Salerno (youth 69 kg) aveva un minor allungo rispetto a Margherita Albergo (Piacenza), ma ha sopperito attaccando di continuo: schiacciante la vittoria ai punti. Uno dei 2 nuovi acquisti, Karim Bejaoui (81 kg) allenato dal maestro Disogra, ha esordito con una vittoria per kot alla 3ª contro Alessandro Beccato, frutto di un devastante gancio destro sullo zigomo. Anche l’altro allievo di Disogra, il 75 kg George Painstil, ha vinto prima del limite: kot alla 2ª contro Stefano Savio (Canavesana) dopo 2 conteggi. Grande prova di Eros Truzzi (junior 50 kg), poi premiato come miglior pugile della

riunione: ha subìto Giuseppe Astorino (Canavesana), poi ha iniziato a boxarlo dalla distanza senza lasciargli scampo. Nel match finale tra elite 75 kg, Oldrin Mukaj ha sofferto per tutti e 3 i round la velocità e la precisione di Antonio Bonamassa (Canavesana). Generoso pareggio.

Giada Epifani della Tricolore è vice campionessa d’Italia

ROMA. Giada Epifani della Boxe Tricolore Olmedo si é laureata vicecampionessa italiana nella categoria 81kg elite.

Accompagnata dal maestro Michael Galli, ha affrontato in semifinale Parini della Boxe Medicina conducendo un bellissimo match, sempre aggressiva ed incisiva per tutte e quattro le riprese: sacrosanta vittoria ai punti.

In finale la reggiana ha incontrato la laziale Forzano; ne è nato un combattimento infuocato con entrambe a parare e rispondere a corta distanza. Match sul filo del rasoio e verdetto assegnato di stretta misura alla Forzano.

Giada ha fatto ritorno a Reggio con l’argento, ma soprattutto la voglia di riprovarci l’anno prossimo, con la consapevolezza di avere tutte le possibilita di conquistare la medaglia piu nobile.

Il XXVII Memorial Bondavalli in piazza S. Prospero all’insegna della Boxe Tricolore

REGGIO EMILIA. Con una striscia positiva di nove vittorie e un pareggio su dieci incontri disputati, il ‘XVII Memorial Gino Bondavalli’ si è trasformato in una cavalcata trionfale per i giovani pugili reggiani della Boxe Tricolore Olmedo.
Sabato sera sul ring di piazza San Prospero, nella ormai tradizionale manifestazione estiva organizzata in collaborazione con Sergio Cavallari, davanti a centinaia di spettatori gli allievi dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi hanno onorato al meglio lo spirito del campionissimo reggiano, nazionale e campione italiano ed europeo in due diverse categorie negli anni Trenta e Quaranta.

Il primo match, l’unico senza atleti di casa impegnati, ha visto il carpigiano natante Ramillano battere ai punti Christian El Badaouy di Grugliasco. Esordio di fuoco per il reggiano Alex Battaglia contro Ionuto Valentin Popescu di Medicina che aveva già all’attivo due incontri: Battaglia ha subito un colpo duro nel secondo round ma ha reagito con grande carattere costringendo l’avversario al conteggio ed andando a vincere ai punti (tutti gli incontri finiranno ai punti). Vittoria intelligente per Eros Truzzi che contro Shujat Manzoor (Pug. Tito Copello) ha fatto valere il proprio maggiore allungo, la propria mobilità e la buona tecnica.
Cristiano Caiti ha messo in chiara difficoltà Francesco Di Maria di Bollate attaccandolo con grande aggressività fin dalle prime battute, mentre Lorenzo ‘Hurricane’ Martinucci, pur tenendo costantemente l’iniziativa, ha dovuto faticare le sette camicie per trovare la giusta misura contro Luca Fogo di Grugliasco.  Prestazione quasi epica e applausi scroscianti per la guerriera Giada Epifani contro Valentina Parini di Medicina: le due ragazze si erano già incontrate pareggiando, questa volta era troppa la voglia di vincere della reggiana, che la prossima settimana sarà impegnata a Roma nei campionati italiani.

L’unico pareggio è stato ottenuto da Ernesto ‘Gio’ De Barre, tecnicamente superiore all’avversario Luca Gervino (Pug. Copello) ma troppo discontinuo. E’ cambiato all’ultimo momento l’avversario di Mattia De Bianchi, che si è trovato davanti il forte Mohamed El Tokhi di Bollate: il reggiano, poi premiato come miglior pugile della serata, ha pressato l’avversario dall’inizio alla fine senza lasciarlo rifiatare, entrando ed uscendo con velocità impressionante, vincendo tra gli applausi e confermando di essere ai vertici nazionali.
Serata di ottima vena anche per Alex Truzzi, che ha vinto tutte le riprese contro l’ottimo Darwin El Badouy di Grugliasco, mentre Erik ‘Dynamite Kid’ Bondavalli, alla sua prima apparizione senza caschetto, ha faticato fino all’ultimo per battere ai punti il forte Filippo Gallerini di Cattolica.
Altra prova convincente per la punta di diamante della società reggiana. Gran finale con i ‘colossi’ Mohamed Ibrahim e Giuseppe Dileo di Bollate: match sul filo del rasoio, con il reggiano più incisivo quando a segno.

Boxe, quattro vittorie e un pareggio

Questo il bilancio della Tricolore Olmedo

Quattro vittorie, un pareggio e tre sconfitte, delle quali due subite negli infuocati ‘derby’ contro i pugili di Scandiano, con verdetti che hanno fatto discutere: è il bottino ottenuto sabato sera sul ring del Palahockey dalla Boxe Tricolore Olmedo, nella splendida serata organizzata in collaborazione con il manager Sergio Cavallari. Si replica già sabato prossimo 5 luglio in piazza San Prospero con il tradizionale Memorial Gino Bondavalli.

Subito derby in apertura, con il reggiano Ivan Terranova (seguito all’angolo dai maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi) opposto allo scandianese dell’Iron Club Gym Antonio Russomando (seguito da Valentino Manca). Entrambi i pugili, semidebuttanti, hanno dato tutto per ottenere la prima vittoria in carriera: Terranova ha attaccato con maggiore continuità, Russomando ha risposto con azioni isolate anche se efficaci (conteggio provocato nel terzo round) ed è stato premiato un po’ a sorpresa dai cartellini dei giudici.

Nel secondo incontro Cristiano Caiti, allievo del maestro Ernesto Radano, ha sconfitto ai punti il piacentino Keltjon Hoti: i due ragazzi erano speculari per fisico ed impostazione tecnica, ma i colpi di Caiti erano ben più incisivi.

Bel pareggio tra Michele Perna ed il piacentino Danil Zinchenko, dotato di maggiore allungo e potenza rispetto al reggiano, contato nella seconda ripresa. Ma Perna soprattutto in apertura era stato bravo a trovare dei buoni varchi dalla breve distanza con mobilità e varietà di combinazioni.

Il campione regionale Ernesto ‘Gio’ De Barre ha sconfitto brillantemente Massimiliano Brega di Piacenza, lavorando bene da vicino, iniziando e terminando lui tutte le azioni, ed arginandone la reazione nel terzo round.

Stefania Costi non ha rivinto contro la ravennate Valentina Leardini, già sconfitta in precedenza: questa volta l’avversaria si è dimostrata più mobile ed incisiva dalla lunga distanza. Speriamo in una ‘bella’.

Il secondo derby Reggio-Scandiano vedeva di fronte Alex Truzzi, ben più tecnico, esperto e longilineo, ed Alfonso Gaglio, generoso, brevilineo e potente. Gaglio ha cercato di imbrigliare in tutti i modi l’azione di Truzzi, attaccandolo anche se in modo spesso scomposto e a volte andando anche a segno. Il reggiano ha faticato rispetto ad altre occasioni a sviluppare il proprio bel pugilato, ma ha comunque condotto le danze dall’inizio alla fine. Il verdetto che ha dato vincente Gaglio non è stato assolutamente condiviso dall’angolo di Truzzi. Anche in questo caso ci auguriamo una rivincita.

Solita grande prestazione per il campioncino Mattia ‘Pitbull’ De Bianchi, che con grande intensità ha attaccato e alla fine fatto breccia nella impervia difesa del ravennate Federico Vecchio, vincendo ai punti.

Trionfo per Villiam Baldini, poi premiato da Sergio Cavallari come miglior pugile della serata, che contro Bryan naldoni di Ravenna è stato un vero e proprio rullo compressore, con un finale in crescendo che ha esaltato il Palahockey.

Sul fiume Po ancora emozioni Tricolore-Olmedo

Quattro vittorie, due pareggi e tre sconfitte: è il bilancio ottenuto domenica pomeriggio al Lido Po Guastalla dai pugili reggiani della Boxe Tricolore Olmedo, nella ormai tradizionale manifestazione organizzata da Sergio Cavallari nel proprio paese.
Il ring, allestito a pochi metri dal fiume tra il Peace in Po e la Birreria La Quadra, complice la splendida giornata di primavera è stato circondato da centinaia di appassionati e curiosi, che hanno potuto assistere a nove incontri tutti equilibrati e spettacolari.

A partire dal primo, tra i due debuttanti assoluti Salvatore Paolo della Tricolore e Antonio Russomando dell’Iron Club Gym, la nuova società scandianese guidata da Valentino Manca. Grande emozione e generosità da entrambe le parti, con il reggiano più preciso ed efficace che è andato a vincere ai punti.
Confronto assai intenso anche tra Eros Truzzi ed il milanese Mattia Piazzolla, finito in parità. Il giovane campione regionale della Olmedo, guidato all’angolo dai maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi, è stato autore di un’ottima prestazione di fronte ad un avversario più forte fisicamente.  Grande prova anche per Antonio Lauciello, che contro Salah Eddine Harik della Boxe Parma rientrava dopo un anno di inattività. L’incontro è stato combattuto e scorbutico, con i giudici che hanno giustamente premiato il più preciso reggiano.
Match di rara intensità anche tra Giada Epifani e la piacentina Camilla Abbiuso, con le due protagoniste sempre incollate a corta distanza per tutti e quattro i round.
Grande voglia di vincere per entrambe, ma vittoria assegnata, un po’ inspiegabilmente, alla Abbiuso.
Altra prova impeccabile per la giovane promessa Mattia De Bianchi, che fin da subito ha attaccato con un ritmo asfissiante il malcapitato Toader-Alin Lupan della Panthers Lauri, anche contato nella terza. Il campione regionale della Olmedo ha come sempre mostrato sul ring grande classe, grande aggressività ed una incredibile velocità sia di braccia che di gambe.
Villiam Baldini non è mai riuscito a trovare la giusta misura ed esplodere tutta la propria potenza contro l’alto e sgusciante imolese Matteo Toschi, bravo a difendersi e a tenere a distanza il pericoloso reggiano punzecchiandolo con rapidi e precisi jab. Con qualche round a disposizione in più il reggiano avrebbe senz’altro demolito l’avversario, a cui è però giustamente andata la vittoria di misura.  Stessa situazione per il potente Oldrin Mukaj contro il forte piacentino Dimitar Niceski: il reggiano nei tre round previsti non è quasi mai riuscito a trovare la distanza in modo efficace, ed è stato sconfitto ai punti. Magari con un po’ di cattiveria agonistica in più sarebbe potuta andare diversamente.
I tre round dei match dilettantistici sono invece più che sufficienti per stroncare quasi ogni avversario a Eric ‘Dynamite Kid’ Bondavalli, che ha attaccato con convinzione, potenza e precisione fin dal primo secondo il più esperto Marco Miano della Panthers Lauri, sconfitto ai punti e rimasto in piedi solo grazie ad un grande cuore.
Emozioni e spettacolo nel match finale tra i colossi Ibrahim Mohamed e Pier Paolo Esposito del Boxing Team Erittu: dopo un primo round di rara intensità, il reggiano ha messo in grave difficoltà l’avversario nel secondo round, senza però riuscire a chiudere i conti e subendo il suo ritorno nella terza frazione, a causa anche di una guardia non sempre serrata e di una condizione fisica da migliorare. Match pari.

Ospite a bordo ring l’ex campione d’Europa e del mondo Valerio Nati
, premiato dal grande massaggiatore Oscar Ghidini e da Guido Chiericati del Peace in Po.

Tricolore, un trionfo Bondavalli e Baldini si confermano furie

Boxe: il team cittadino targato Olmedo al PalaFanticini conquista sette vittorie e (ri)mette in luce i pugili di punta

REGGIO. Sette vittorie ai punti, un pareggio ed una sconfitta per infortunio, con grande prestazione finale di Eric Dynamite Kid Bondavalli, premiato quale miglior pugile della riunione: è il cospicuo bottino conquistato dalla Boxe Tricolore Olmedo sul ring del PalaFanticini, nella prima delle otto manifestazioni pugilistiche in agenda quest’anno tra città e provincia.

La raffica di vittorie degli allievi dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi non deve far pensare a match scontati o a senso unico: i confronti sono stati tutti combattuti, avvincenti ed hanno strappato gli applausi dei numerosi spettatori. Soddisfatti ovviamente gli organizzatori: la Boxe Tricolore Olmedo del presidente Franco Gualerzi in collaborazione con Sergio Cavallari e la Fondazione per lo Sport.

FUORI I SECONDI. In apertura ha debuttato il primo atleta della Iron Club Gym, la nuova società di Scandiano guidata da Valentino Manca: il 19enne Alex Fernandez ha dato vita col modenese Costantin ad un match equilibrato ed intenso, dimostrando coraggio e buona impostazione tecnica, ma perdendo di misura ai punti.

Match non facile per Lorenzo ‘Hurricane’ Martinucci: il campione regionale 48kg era reduce da una contrattura al collo e regalava parecchi centimetri al vicentino Bouali, ma è riuscito ugualmente a portare a casa la vittoria.

Il campione esordienti Cristiano Caiti ha dato vita con Marrandino di Parma ad una battaglia un po’ confusa, in cui nessuno dei due voleva fare mezzo passo indietro: vittoria ai punti al più efficace allievo del maestro Radano.

Il campioncino Mattia De Bianchi, fresco di convocazione in Nazionale, ha imposto al forte Sabau di Magenta un ritmo asfissiante, accusando un paio di colpi di troppo in apertura ma salendo in cattedra nel secondo e terzo round sino alla vittoria, tra gli applausi.

Giusto pareggio tra i campioni regionali Alex Truzzi e Boldrini di Livorno, con il reggiano che solo a tratti è riuscito a sfruttare il maggior allungo. Sfortunato il veterano Michele Perna: dopo un buon primo round contro Harik di Parma, è stato costretto all’abbandono nel secondo, per infortunio al braccio destro.

Apoteosi per il superleggero Villiam Baldini che ha combattuto senza caschetto contro l’altro elite Massignan di Vicenza, per una novità regolamentare di quest’anno. Più ci si avvicina alla boxe professionistica, più il demolitore Baldini riesce ad esprimere il meglio del repertorio: il malcapitato avversario è stato atterrato nella seconda ripresa da un gancio destro d’incontro e contato anche nella terza al termine di una serie di colpi impressionante. Vittoria ai punti per il reggiano.

Vittoria sudatissima per Ion ‘Iceman’ Mihelea contro il forte modenese Marleci che ha dato del filo da torcere al freddo moldavo per tutti e tre i round. Affermazione netta per l’ottimo Oldrin Mukaj contro il forte parmense Bertolini, al quale il talentuoso reggiano, sempre velenoso e mobile sulle gambe, ha impartito una vera e propria lezione di boxe.

Apoteosi finale con la punta di diamante della Olmedo, il supermedio Eric ‘Dynamite Kid’ Bondavalli, contro il rapido ed esperto Korouma di Parma; probabilmente l’avversario più forte incontrato finora. Bondavalli ha attaccato senza soste, riuscendo finalmente ad esplodere la propria potenza nel terzo ed ultimo round, atterrando nel tripudio del Palahockey un Korouma fino a quel momento imprendibile.

fonte: Gazzetta di Reggio

photo credits: Michael Rivera Estevez

 

De Bianchi supera il più titolato Demi

REGGIO. Ennesimo fine settimana pugilistico ricco di soddisfazioni per i ragazzi della Boxe Tricolore Olmedo. A Livorno, De Bianchi, 56kg classe ’97 con 10 match all’attivo, ha incontrato il locale Mattia Demi, vicecampione italiano con 30 incontri già disputati: l’esperienza in più del livornese non è bastata a placare la fame di vittoria del portacolori reggiano che ha aggredito il toscano entrando nella sua guardia senza subirne la risposta; Demi è stato contato alla seconda ripresa per un brutto colpo ricevuto, ed ha poi perso ai punti senza discussioni. Vittoria netta e inaspettata per Mattia De Bianchi, un ragazzo con un notevole potenziale.

Ion “Ivan” Mihelea, 69 kg, ha affrontato Filippo Gressani, campione italiano junior e bronzo agli europei nel 2013. A Piacenza si sono imposti ai punti Emiliano Martinelli ed Ernesto “Gio” De Barre contro Micevski (kg75) e Lazzari (kg60). Il tecnico Ernesto Radano ha accompagnato Cristiano Caiti, 60 kg fresco vincitore del Torneo Debuttanti, a Ferrara dove ha combattuto contro Daniele Fabbri: seconda vittoria su due prima del limite per Caiti, con il ferrarese fermato dal proprio angolo nel secondo round.

fonte: Gazzetta di Reggio

Boxe, Cristiano Caiti ha vinto il campionato esordienti

CASALGRANDE

Piccoli big crescono. Cristiano Caiti, 15 anni, di Casalgrande, sta già cominciando a stupire. Ha infilato per la prima volta i guantoni da boxe un anno fa, e soltanto da qualche mese il suo tecnico – Ernesto Radano – ha deciso di provare a fargli sostenere qualche combattimento. I risultati sono stati più che incoraggianti.

Sabato 15 marzo, a Firenze, il ragazzo ha conquistato il titolo Junior 60 kg nel Campionato Esordienti Regionale nell’àmbito della sfida che vedeva opposte le selezioni dell’Emilia Romagna e della Toscana. In questo meeting pugilistico – organizzato presso la palestra Pontormo di Castello di Firenze – Caiti s’è guadagnato la medaglia nella categoria sconfiggendo il proprio rivale per ko tecnico alla seconda ripresa.

Studente all’Istituto Tecnico Industriale di Sassuolo, Caiti combatte per la Boxe Tricolore del presidente Franco Gualerzi e si allena presso la palestra scandianese New Life di Sandro Grillenzoni. Il successo ottenuto la settimana scorsa ha motivato ancora di più sia lui che il suo staff. Cristiano è già tornato al lavoro in palestra, per preparare al meglio il prossimo impegno che lo vedrà di scena in un meeting a Ferrara – opposto a pugili bolognesi di pari età – con la speranza si tratti dell’inizio di una grande avventura.

 

fonte: Gazzetta di Reggio