Bel successo di pubblico e sportivo per la riunione di Praticello di Gattatico

Sei vittorie, due pareggi e tre sconfitte: è l’ottimo bottino conquistato sabato sera dai ragazzi della Boxe Tricolore Olmedo in piazza Cervi a Praticello di Gattatico, nella manifestazione organizzata dall’associazione reggiana ottava a livello nazionale nel 2016 insieme a Sergio Cavallari e al Comune di Gattatico. Nonostante una serata piuttosto fredda e umida, un buon pubblico si è radunato intorno al ring, montato proprio davanti alla pizzeria Nonno Gino gestita dall’ex pugile professionista (e sponsor della serata) Michele Cusumano.

 

I tecnici della Tricolore Olmedo Michael Galli e Massimo Bertozzi hanno scelto per i loro ragazzi avversari difficili: sia per metterli alla prova stimolando la loro crescita sia per offrire al pubblico incontri equilibrati ed uno spettacolo appassionante. Sabato sera infatti a Praticello ha regnato un certo equilibrio in tutti gli undici confronti, che hanno dato vita ad altrettante battaglie per la vittoria fino all’ultima goccia di sudore.

 

Gli unici due match piuttosto a senso unico sono stati quelli di Mattia ‘Lo Spartano’ De Bianchi, vincitore del Guanto d’Oro nei 56kg e maglia azzurra, e di Claudia Salerno, campionessa italiana universitaria nei 64kg e maglia azzurra: non è facile trovare avversari del loro livello, anche se a Praticello Alessandro Giovanni Ciccarelli della Vercelli Boxe 1961 e Marta Ripamonti della Bergamo Boxe pur perdendo nettamente ai punti hanno fronteggiato i due azzurri reggiani con grande coraggio.

 

Miglior pugile della serata è stato votato l’elite 75kg George Painstil, che ha invece dovuto dare il meglio di sè per battere il forte Filippo Zondini della Pro Fighting Forlì al termine di un’applauditissima battaglia: il reggiano ha vinto meritatamente grazie ad un primo round in cui i suoi ganci destri hanno dettato legge e ad un finale in crescendo nel terzo round.

 

Un verdetto che ha stupito tutti (compreso il vincitore) ha decretato la sconfitta dell’elite 52kg Eros Truzzi contro Solomon Belotti della Bergamo Boxe: il lombardo ha cercato costantemente di attaccare, ma senza risultare efficace se non in parte nella seconda ripresa; il reggiano invece, pur girando intorno come da suo solito, è stato molto più incisivo nei colpi portati a segno.

 

Bella prova anche del junior 60kg Andrea Truffi, che ha mantenuto l’imbattibilità contro il più alto Erik Salmoiraghi della Bergamo Boxe grazie ad una difesa attenta e ad una maggiore convinzione offensiva. Sudate ma meritate vittorie ai punti anche per la elite II serie 64kg Maria Grazia Marchitto contro Marika Caccavalle della Bergamo Boxe e per il senior 81kg Gino Valerio nel derby emiliano contro Bruno Montesano della Kid Saracca Parma.

 

I due giusti pareggi sono arrivati, entrambi nella categoria youth 64kg, tra Alexis Boussim e Amir Heni e tra Luca Arduini e Lorenzo Barbaglia; entrambi gli avversari erano della Borgosesia Boxe: se nel primo confronto ha regnato la confusione, il secondo è stato di ottima fattura.

 

Le altre due sconfitte per la Boxe Tricolore Olmedo sono arrivate dall’elite 75kg Emiliano Martinelli, pur avendo combattuto con grande coraggio contro il coriaceo Angelo Leonzio della Ravenna Boxe, e dal senior 75kg Lorenzo Gambarelli, che ha visto premiare dai giudici la boxe d’incontro del più alto Hitaj Juxhin della Boxe Piacenza.

 

Sempre sabato a Guastalla era impegnato un altro pugile dell’associazione reggiana: si tratta del senior 64kg Durim Doku ha vinto contro il pugile di casa Asad Sardar, contato nel primo round.

 

Il prossimo appuntamento per gli appassionati reggiani della ‘noble art’ è fissato per sabato 30 settembre e domenica primo ottobre al Palahockey, con i Campionati Regionali giovanili organizzati dalla Boxe Tricolore Olmedo.

Praticello Boxe – Programma della riunione

Undici match con impegnati i migliori pugili reggiani contro avversari provenienti da tutto il Nord Italia: questo il programma ufficiale della grande serata di boxe che si terrà sabato (16 settembre) a Praticello di Gattatico in piazza Cervi (primo colpo di gong alle ore 20.30, ingresso libero), proposta da Boxe Tricolore Olmedo e Sergio Cavallari in collaborazione con l’ex pugile professionista Michele Cusumano (oggi titolare della pizzeria Nonno Pietro che si trova nella stessa piazza) e con il Comune di Gattatico del sindaco Gianni Maiola.

 

Se il valore dei pugili di casa della Tricolore Olmedo (prima società in Emilia ed ottava in Italia) è ormai noto agli appassionati reggiani di ‘noble art’, gli insegnanti Michael Galli e Massimo Bertozzi hanno cercato di trovare per loro avversari difficili, che possano permettere un’ulteriore crescita e nello stesso tempo garantire agli spettatori match equilibrati e spettacolo avvincente. A partire dalll’incontro clou della serata, in cui la punta di diamante di tutto il movimento, ovvero il nazionale e vicecampione italiano Mattia ‘Lo Spartano’ De Bianchi, se la vedrà negli elite 56kg con Alberto Pinna di Biella, che il maestro Galli definisce un temibile picchiatore. Ma Mattia durante l’estate non ha mai smesso di allenarsi, ed è più carico che mai.

 

Nei dieci match che precederanno il main event dello Spartano, nei senior 81kg il promettente Gino Valerio, ai primi match in carriera, darà vita con Bruno Montesano di Parma ad un atteso derby della via Emilia; nelle elite II serie femminile 64kg Maria Grazia Marchitto dovrà dar fondo a tutte le sue qualità di fighter per avere ragione dellesperta bergamasca Marika Caccavalle; dopo laltro derby Reggio-Parma nei senior 75kg tra Lorenzo Gambarelli e Giuseppe Alabrese, sarà la volta di un altro giovane di grande prospettiva della Olmedo: limbattuto 16enne Andrea Truffi, che se la vedrà con Donato Chianese di Biella.

 

A seguire altre due giovani promesse 17enni youth 64kg: Alexis Boussim contro Erik Salmoiraghi di Bergamo ed il campione regionale Luca Arduini contro Lorenzo Barbaglia, in una rivincita voluta dai piemontesi dopo la vittoria del reggiano nel primo confronto: Sono due ottimi giovani atleti – prosegue Galli – Boussim in allenamento è impressionante, e quando imparerà a domare lemotività negli incontri potrà ottenere grandi risultati; invece Arduini si allena più tranquillo, ma sul ring si trasforma in una belva.

 

La nazionale e campionessa italiana universitaria Claudia Salerno disputerà il suo primo incontro nella nuova categoria delle 64kg elite I serie, contro lesperta Marta Ripamonti di Bergamo: “La potenza e l’intensità di Claudia nel limite di peso inferiore – commenta Galli – potranno essere qualità ancor più decisive”.

 

Negli youth 56kg l’Imprendibile Eros Truzzi vorrà dare come sempre spettacolo contro il più pesante bergamasco Solomon Belotti, mentre negli elite 75kg Emiliano Martinelli darà tutto sè stesso per prendersi la rivincita contro Angelo Leonzio di Ravenna contro il quale ha già perso. Prima dei fuochi d’artificio finali con il match di Mattia De Bianchi, salirà sul quadrato  il potente George Painstil negli elite 75kg: Filippo Zondini di Forlì sarà il prossimo ostacolo da superare nella strada che dovrebbe portarlo entro l’anno prossimo a passare tra i professionisti.

16 Settembre 2017 – Boxe a Praticello di Gattatico (RE) – ore 20:30

Sabato 16 settembre riparte la stagione del grande pugilato reggiano, con Mattia De Bianchi e i giovani campioni della Boxe Tricolore Olmedo che saranno protagonisti sul ring di Praticello di Gattatico. ‘Lo Spartano’, vincitore del Guanto d’Oro e da poco tornato dal ritiro della Nazionale, ma anche l’altra azzurra Claudia Salerno, i campioni regionali Eros Truzzi e Luca Arduini, il quasi professionista George Painstil e tutti i migliori allievi dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi, combatteranno contro pari categoria di altre società con primo colpo di gong alle ore 20.30 (ingresso libero) nella centrale piazza Cervi, proprio di fronte al Municipio e a quella Pizzeria Nonno Pietro il cui titolare è il ‘deus ex machina’ della manifestazione.

Si tratta di Michele Cusumano, siciliano di nascita e reggiano d’adozione, peso welter professionista dal 1933 al 1999 gestito dall’allora manager Sergio Cavallari insieme a compagni di palestra quali Manca, Guidelli, Iodice e Bertozzi, insomma i protagonisti di un’altra generazione d’oro del pugilato reggiano. Dopo un’ottima carriera da professionista, che l’ha visto disputare 18 match sui ring di tutta Italia (con 8 vittorie 2 pareggi e 8 sconfitte), tra cui la sfida per il titolo italiano persa per ferita contro Perna, e quella in Germania contro quel russo Kotiev che da lì a poco sarebbe diventato campione del mondo, finita con un ’no contest’.

“Nel ’98 _ spiega Cusumano _ ho dovuto abbandonare il pugilato, ma questa passione bruciante non mi ha mai lasciato, tanto è vero che oggi a distanza di quasi vent’anni sono qui a proporre questa manifestazione in piazza a Praticello davanti alla mia pizzeria, che spero possa avere successo e diventare un appuntamento fisso. Il mio vecchio manager Sergio Cavallari, oggi patron della Boxe Tricolore Olmedo, ed il sindaco di Gattatico Gianni Maiola hanno dimostrato subito il loro entusiasmo e la loro disponibilità. Tra i miei progetti c’è anche quello di aprire in zona una palestra, per trasmettere la passione ai giovani e per insegnare loro il controllo e l’autodifesa, che di questi tempi credo siano fondamentali”.

“E’ la prima volta _ aggiunge il sindaco Gianni Maiola _ che a Gattatico viene proposta la boxe. Noi l’abbiamo accolta, e speriamo che abbia successo. Il 16 sarò anch’io in piazza Cervi a godermi lo spettacolo con estrema curiosità”.

Locandina della serata

XX Trofeo Bondavalli – 15 LUGLIO – Reggio Emilia

Sarà quello di Mattia Lo Spartano De Bianchi il nome in cima al cartellone del XX Memorial Gino Bondavalli, che andrà in scena sabato sera 15 luglio in piazza San Prospero con primo colpo di gong alle ore 20.45. Gli appassionati reggiani della noble art, che ogni anno gremiscono la piazza che fu teatro delle imprese del grande Gino, potranno vedere in azione la nuova promessa del pugilato reggiano, fresco vincitore del prestigioso Guanto dOro nella categoria 56kg nonchè vicecampione italiano e maglia azzurra. De Bianchi affronterà nel match clou della serata Anxhelo Mecani, ferrarese anche lui maglia azzurra e dotato di grande potenza, in un incontro di rivincita dopo la vittoria ai punti dello Spartano a Parma lo scorso novembre nelle eliminatorie dei Campionati Italiani Elite.

locandina-trofeo-Bond

Grande soddisfazione da parte di tutta la Boxe Tricolore, dal patron Sergio Cavallari al presidente Franco Gualerzi, al direttore sportivo nonchè main sponsor con la sua Olmedo Luca Quintavalli, ai tecnici Michael Galli e Massimo Bertozzi: Arrivare alla ventesima edizione consecutiva _ dichiara il promoter Cavallari _ nella splendida cornice di piazza San Prospero costituisce per noi grande motivo di orgoglio. Nel 1997, quando abbiamo proprosto la prima edizione, la boxe in piazza a Reggio mancava da 60 anni, ma siamo riusciti a consolidare questo appuntamento rendendolo un appuntamento fisso nellestate sportiva reggiana. Il pugilato reggiano e la leggenda del grande Gino, campione dItalia e dEuropa in due diverse categorie di peso, meritano il meglio.

Ad onorare la memoria di Girandola Bondavalli saranno, compreso De Bianchi, dieci tra i migliori pugili della Boxe Tricolore Olmedo, grazie ai quali lassociazione reggiana primeggia da anni nelle classifiche federali ed ha anche garantito un futuro roseo: sono, in ordine di apparizione sabato sul ring di piazza San Prosperoil debuttante assoluto Francesco Murrone, gli imbattuti Fabrizio Ingrosso, Manuel Dattilo, Maria Grazia Marchitto e Andrea Truffi, il 15enne ma già esperto Samuel Serradimigni, il campione regionale Luca Arduini, il 30enne ma in grande ascesa Durin Doku, il pluricampione regionale e spettacolare Eros Truzzi, ed appunto il nazionale Mattia Lo Spartano De Bianchi, che vorrà dare spettacolo davanti ai propri concittadini. Il programma con i nomi dei loro avversari, ancora in fase di definizione, sarà reso noto nei prossimi giorni.

Mattia “Lo Spartano” De Bianchi conquista il Guanto d’Oro 2017

Altra grande vittoria per la Boxe Tricolore Olmedo ed altro importante trofeo nella gloriosa bacheca del pugilato reggiano: l’attuale punta di diamante dell’intero movimento Mattia ‘Lo Spartano’ De Bianchi ha conquistato durante lo scorso fine settimana a Rossano in provincia di Cosenza il prestigioso ‘Guanto d’Oro’, vincendo l’ambìto torneo al quale partecipano tutti i migliori pugili italiani under 23 per ogni categoria di peso.
L’asso reggiano, che ha compiuto i 20 anni proprio nel corso della manifestazione, ha festeggiato il compleanno nel migliore dei modi aggiudicandosi la vittoria nei 56 kg e sconfiggendo nettamente, da venerdì a domenica, tre avversari assai quotati. Seguito all’angolo, come sempre, dal maestro della Tricolore Olmedo Michael Galli, De Bianchi può così aggiungere al proprio già ricco palmares questo importantissimo trofeo, dopo aver conquistato numerosi campionati regionali giovanili, la medaglia d’argento ai Campionati Italiani elite assoluti nel 2016 e dopo svariate convocazioni in Nazionale di cui ormai fa parte in pianta stabile, con uno sguardo alle Olimpiadi.
Lo Spartano, che si allena duramente tutti i giorni tra la scuola la mattina e il lavoro in pizzeria la sera, vanta ora un impressionante record da dilettante di 46 vittorie su 55 match disputati in soli quattro anni. Ora sognare in grande, per lui e per la Reggio pugilistica, è lecito: gli obiettivi futuri sono, dopo l’imminente ‘Memorial Bondavalli’ del 15 luglio in piazza San Prospero in cui mostrerà alla città il Guanto d’Oro appena conquistato (trofeo che mancava a Reggio da 60 anni!), sono il passaggio al professionismo nel 2018, con il grande sogno della partecipazione a Tokyo 2020.
In Calabria il portacolori della Olmedo si è reso protagonista di una cavalcata trionfale di tre giorni: la prima ‘vittima’, venerdì nei quarti di finale, è stata il campano Francesco De Rosa, pugile solido ex campione italiano youth ma, contro il reggiano, già in debito d’ossigeno nel secondo round: Mattia, con la sua consueta boxe fatta di velocità, aggressività e tempismo, non gli ha lasciato scampo dalla breve distanza, con serie micidiali di colpi.
Sabato in semifinale è stata la volta del lombardo Laurini, già sconfitto al Palahockey alcuni mesi fa e anche questa volta messo in riga soprattutto grazie all’uso sapiente del diretto sinistro.
Nella finalissima di domenica il capolavoro contro il temibile campano Vincenzo La Femina, il quale ha subìto un richiamo ufficiale dall’arbitro per aver sputato per ben tre volte il paradenti, in affanno sotto i colpi dello Spartano. Mattia è stato abile ad anticiparlo costantemente sul tempo, per poi scaricare devastanti serie di ganci.